Comunicato a tutti i soci

A tutti i soci

Carissimi Amici,

la normale attività associazionistica procede regolarmente sotto la guida dei Consiglieri del Direttivo che gestiscono il programma annuale prefissato secondo le scadenze e gli impegni assunti.

L’anno corrente presenta una particolare manifestazione che si terrà a Roma nel prossimo mese di novembre e l’annuale Assemblea (Ordinaria e Straordinaria) che sarà anche elettiva di tutte le cariche.

La manifestazione di Roma comprenderà un Convegno ed una Tavola Rotonda alle quali interverranno numerose personalità del mondo politico, di quello della cultura e di quello giornalistico, personalità tutte coordinate dal Gen. Paolo Inzerilli, nostro Presidente Onorario appositamente delegato, coadiuvato dal dottor Francesco Gironda.

In attesa di tale evento straordinario, che viene appositamente realizzato in occasione del ventesimo anno dalla pubblicazione della lista dei nostri nomi, sta fervendo, sempre a Roma, una intensa attività di riprese e documentari riguardanti la nostra struttura militare “Stay Behind”. Anche tutti questi avvenimenti, che sono ritenuti di vitale importanza per noi, si stanno svolgendo sotto lo stretto controllo e l’attenta sorveglianza dello stesso Gen. Inzerilli.

Per non creare disarmonie con quanto viene fatto, detto e/o svolto dagli organizzatori a Roma e riguardante la menzionata struttura militare, tutti i soci sono gentilmente pregati di non rilasciare interviste di nessun genere fino al termine della prevista manifestazione.

Una esatta descrizione di quanto sta avvenendo e di quanto è stato programmato, vi verrà trasmessa non appena ci giungerà dagli organizzatori il resoconto analitico e completo di tutti gli avvenimenti, elenco già in fase di completamento.

Nel frattempo vi giungano gli auguri, di ogni bene e di buon proseguimento di questo 2010, da parte di tutti i Consiglieri del Direttivo ivi compreso quindi anche il sottoscritto che vi scrive nella sua provvisoria veste di facente le funzioni del presidente dimissionario.

Pordenone, 6 luglio 2010

Antonio Sanviti