Fischi alla partigiana medaglia d'oro - Collino(An).. avrei scelto la Osoppo

Messaggero Veneto - 26 aprile 2005

giornale del Friuli

Fischi alla partigiana medaglia d’oro

COLLINO (An): io il partigiano lo avrei fatto nella Osoppo
Liberazione.jpg

«Se fossi stato un partigiano e avessi dovuto scegliere da che parte schierarmi, mi sarei unito alla Osoppo, centrista e cattolica»: detto dal senatore di An, Giovanni Collino, fa un certo effetto. Ma l’affermazione, oltre a restare una pura e semplice ipotesi, è soltanto un modo per esprimere solidarietà a Paola Del Din, «contestata – spiega il parlamentare – da comunisti rimasti fermi sulle stesse posizioni rosse di 60 anni fa».
Presente alla cerimonia di ieri, Collino ha criticato in particolare il discorso celebrativo del professor Miccoli. «A distanza di tutti questi anni – afferma – dovremmo mettere tutti i morti sotto una sola croce e cercare di confrontarci senza più odii e separazioni sul modo di governare». Aspro anche il commento dell’altro An, l’onorevole Daniele Franz. «Il discorso di Miccoli – dice – poteva essere attuale prima della morte di Berlinguer. Oggi, l’obiettivo è arrivare a una memoria condivisa. Ma a quanto pare, c’è chi esclude ancora questa strada». L’altro bersaglio è il «siparietto» di

Rc. «Una cosa incredibile: mi sarei aspettato contestazioni a me e il mio partito, non certo a Del Din. Talmente incredibile, che lo stesso Tesini ha voluto marcare la differenza, mostrando che applaudiva con tutti gli altri».

Sconcerto” è stato espresso anche da Ferruccio Saro, deputato del gruppo di Fi. «Non mi era mai successo di assistere a una celebrazione come questa – dice –. Con il suo discorso, Miccoli ha cercato di dimostrare che la storia dei comunisti italiani è del tutto diversa dal filone internazionale e sovietico, dimenticando peraltro che furono i comunisti del Friuli Vg a volere l’annessione della regione alla Repubblica federativa jugoslava. Il problema – conclude – è che non siamo ancora riusciti a costruire un rapporto capace di superare la rottura storica creata dalla lotta di liberazione».