Gladio, dal Friuli nuovo appello al riconoscimento degli ex militari

Gio_mv.jpg

 

Gladio dal Friuli nuovo appello
al riconoscimento degli ex militari

 

Cividale del Friuli: oggi cerimonia in ricordo di Aldo Specogna

REMANZACCO 8 dicembre 2006

Ieri l'assemblea annuale, oggi la cerimonia in ricordo di Aldo Specogna, primo comandante in Friuli di Stay Behind. Si è tenuta ieri pomeriggio, nella sala della cooperativa di Ziracco, l'annuale assemblea generale dell'associazione "Stay Behind", che riunisce circa 120 dei 622 uomini che fecero parte della rete clandestina, inserita nell'ambito della Nato e comunemente nota in Italia come "Gladio", da impiegare nell' eventualità .di un'occupazione nemica del territorio, in particolare da parte degli Stati aderenti al patto di Varsavia, ossia l'ex Unione Sovietica ed i suoi Paesi satellite.

Nel corso dell'assemblea di quest'anno il tema principale è stato quello dell'auspicato riconoscimento dello status giuridico di militari nei loro confronti, anche in virtù del fatto che ormai la magistratura ha assolto gli ex gladiatori da qualsivoglia accusa di aver partecipato ad attività legate ai servizi segreti deviati.

«La nostra richiesta non nasce certo per rivendicare pensioni o privilegi di sorta - ha dichiarato a margine dell'assemblea il presidente dell'associazione, Giorgio Mathieu - ma per un riconoscimento morale alla nostra passata attività», Su questo tema esiste attualmente una proposta di legge, presentata dall'ex Presidente della Repubblica Cossiga, che deve ancora essere discussa alla Camera dei Deputati: qualora questa strada non dovesse andare a buon fine, gli associati si sono detti pronti a ricorrere al Tar per vedere riconosciute le loro istanze.

Nel suo intervento, Mathieu ha inoltre ricordato come Stay Behind operasse in tutti i paesi deIl'Alleanza Atlantica, seguendo modalità assolutamente normali nello scenario della Guerra Fredda: «L'unica attività di Stay Behind era quella di organizzare gruppi di resistenza in caso di invasioni dall'Est Europa, l'unica verità che conosco è questa».

Da Ziracco, sede tra l'altro della tesoreria dell'associazione, i presenti si sono dati appuntamento alla cerimonia che questa mattina commemorerà, nel cimitero di Cividale, la figura del colonnello Aldo Specogna, che fu il primo responsabile in Friuli di Stay Behind, a 24 anni dalla sua scomparsa.

Davide Accarini