Lettera da un "figlio di Gladiatore"

A seguito di una comunicazione inviata ai soci, riceviamo la seguente stupenda risposta che pubblichiamo

 

 

…………       (luogo e data di spedizione)

 

Ill.mo signor XXX,

le scrive il figlio di un Gladiatore, poiché per gravi motivi di salute mio padre, il Gladiatore YYY   ZZZ, non è più in grado di farlo.        

Anzitutto, la ringrazio anticipatamente per la lettera pervenutaci e che ho cercato di illustrare a mio padre, sia per l'impegno che a nome anche di mio padre dedica all'Associazione, nonostante io non sia a conoscenza di tutti i seguiti della vostra battaglia, per un giusto riconoscimento di quello che siete stati e che purtroppo pochi conoscono e anche quel poco sicuramente strumentalizzato, la invito sinceramente a NON MOLLARE.

Quello che persone come Lei e mio padre hanno fatto per il bene della nostra nazione e che mi è stato raccontato, ed in cui giustamente credevate, va riconosciuto ma sa, purtroppo, viviamo in un paese che elargisce generalmente medaglie ai caduti o alla memoria delle persone e comunque sempre in ritardo.

Il tempo, diceva mio nonno è galantuomo, continui dunque a tenere viva assieme agli altri Gladiatori la memoria di quello che faceste a difesa della patria finché ci sarà un giusto riconoscimento.

Porti i saluti anche al presidente nazionale e gli dica di non mollare mai, nonostante i sempre presenti mulini a vento.

Rimanendo a disposizione, anche in nome di mio padre, la saluto cordialmente.

 

Firmato

 

……………

 

www kkk