CRONOLOGIA “CASO GLADIO”: fatti e misfatti!

 

  26/06/2000


 

SENATO DELLA REPUBBLICA                   CAMERA DEI DEPUTATI

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI · DOCUMENTI

IL CONTESTO DELLE STRAGI
UNA CRONOLOGIA 1968-
1975

Elaborato redatto dal senatore Alfredo Mantica
e
dal deputato Vincenzo Fragalà

26 giugno 2000

 

Senato della Repubblica

- 3 -

Camera dei deputati

«Ma una cosa va detta per la tranquillità dei cittadini; la ma-
gistratura italiana "non è serva" né di altri poteri né di idee guida
ed è invece "garanzia" per il popolo di obiettività di indagine e in-
dipendenza di giudizio»

VITTORIO OCCORSIO,
requisitoria contro Valpreda, 26 settembre 1970

«È per questo che il metodo indiziario trova la sua più completa
espressione in un 'impostazione il più possibile tecnica che escluda (o al-
meno lim
iti al massimo) l'influenza di ipotesi precostituite. La presenza di
esse, infatti, risulta dannosa all' acquisizione di tutti gli elementi utili
,
esponendo facilmente al rischio di sottovalutare dati non concordanti
con l'ipote
si di partenza, apparentemente privi di significato, la cui acqui-
sizione può invece risultare determinante per una corretta soluzione del
caso
».

G. DE PALO E A. GIANNULI,
La strage di Stato vent'anni dopo, 1989, p. 21.

«La guerra rassomiglia al camaleonte, perchè cambia natura in ogni
caso concreto»

CARL VON CLAUSEWITZ,
Vom Kriege, I, 1, 28.

«Quando scoppia la guerra, la prima vittima è la verità»

SENATORE HYRAM JOHNSON, 1917.

«(D.) Perché, allora, il terrorismo?

(R.) Perché no? L'Italia è una democrazia.

Se fosse un regime comunista, come l'URSS, non conoscerebbe il ter-
rorismo.

Anzi l'Italia è una democrazia «molle», secondo la mia definizione. E
in quanto tale è anche un sistema di lusso per il tempo di pace ...
»

ALEXANDRE DE MARENCHES,
ex-direttore generale dello SDECE,
intervista di Sandra Bonsanti, 1987.

«La teoria del complotto ha sempre accompagnato la storia recente
del PSI
. E complotti, invece, non ce n'erano. C'era un partito, il PSI, che

 

Senato della Repubblica

- 4 -

 Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

conduceva quasi da solo, una battaglia dura, mettendo in discussione
forze, poteri, interessi consolidati. E c'era la comprensibile reazione di
queste forze, di questi poteri, di questi interessi. Nel caso dei comunisti
italiani, la sindrome del complotto non era poi del tutto immotivata. Il
PCI era considerato in ultima analisi estraneo al sistema per i suoi rap-
porti internazionali ...
»

STEFANO RODOTÀ, in P. Franchi,
«Il PDS riscopre il Grande Complotto»,
Il Corriere della sera,
3 marzo 1993.

Senato della Repubblica

- 5 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

 

INDICE

 

Psicologia della guerra civile in 12 film dal 1969-’80                                                                    Pag.        11

1968 -Il caso Rocca                                                                                         »            15

Il Sessantotto                                                                                                                                   

La quinta legislatura

La presidenza Nixon e il I Governo Rumor
Il
«caso De Lorenzo»

I militari e la politica

Il «caso Rocca»

Il trattato di non proliferazione
L
'invasione della Cecoslovacchia

1969 - Prima di piazza Fontana                                                                                  »              29
(gennaio-novembre)

I - La Commissione Alessi                                                                                                               »              30
II - La politica interna prima di piazza Fontana                                                                                            »              34

A)   I primi fermenti

B)   L'ambasciatore Martin

C)   Il XII Congresso del PCI

D)   La crisi del centro-sinistra

E)    La crisi dell'internazionalismo comunista

F)    La sconfitta di De Gaulle

G)   La scissione socialista

H)   Il centro-sinistra da Moro a Rumor

I)L' «autunno caldo»

L) L'ora di Forlani e Colombo

III - I militari e la politica                                                                                                                  »             42
IV - L'incubazione del terrorismo «nero» e «rosso»                                                                   »             46

A)  Genesi parallela dell'eversione «nera» e «rossa»

B)   Il «caso Occorsio» e la spaccatura di «Magistratura Democratica»

v - Il teorema del «golpe bianco»                                                                                                  »             52
VI - Libia, Jugoslavia, Gran Bretagna e Germania federale                                                         »             54

 

A)   Il colpo di Stato in Libia

B)   La crisi jugoslava

C)   Legami Feltrinelli-Observer?

1969 - La strage di piazza Fontana                                                                 »             59
(dicembre)                                              

I - La dottrina della «strategia della tensione»                                                                                            »             60

II - La «controinformazione» sulla «strage di Stato»                                                                  »             68

III - Nascita del terrorismo rosso                                                                                                    »             70

 

Senato della Repubblica

- 6 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

1970 - Aspettando Borghese                                                                           »              72
(1º gennaio – 7 dicembre)

I - Il terzo Governo Rumor                                                                                                                 »              73

A)   «Centro-sinistra o golpe di destra

B)   Il terzo Governo Rumor

C)   La Commissione Alessi

II - NATO, Medio Oriente, Jugoslavia                                                                                               »              78          

III - «Strage di Stato» e «Partito Armato»                                                                                          »              81

A)   Dalla «pista anarchica» alla «strage di Stato»

B)   Verso il «Partito Armato»

IV - La sindrome golpista                                                                                                                    »              84

A)I militari e la politica

B)Verso il «Partito del golpe»

V - Il Governo Colombo                                                                                                                      »              88

A)   La sconfitta di Andreotti

B)   FIAT e Piaggio

C)   L'espulsione degli italiani e degli ebrei dalla Libia

D)   Il caso De Mauro

E)         «Strage di Stato» e «Partito Armato»

F)          

1970 – Tora! Tora! Tora!                                                                                 »              96
(dicembre)

I - Il «Partito del golpe»                                                                                                                      »              97

II - Santiago o Zagabria?                                                                                                                      »              101         

III - La «notte della Madonna»                                                                                                           »              104

IV - Rashomon sul «Piano Solo»                                                                                                         »              112

 

1971 – Obiettivo Quirinale                                                                             »              115

I - L'elezione di Leone                                                                                                                         »              116

A)   Il Partito di Fanfani                                                                                                                          

B)   Il Partito di Leone

II - Il «Partito del golpe»                                                                                                                     »              121

A)   La «copertura del SID»

B)    Il «malessere» dell'Esercito

C)   Il «caso Birindelli»

 

III - Il «Partito Armato»                                                                                                                      »              128

IV - La «Pista Nera»                                                                                                                            »              138

V - La crisi Jugoslava                                                                                                                           »              142

1972 – Andreotti al Governo                                                                          »              144

I - I Governi di Andreotti                                                                                                                    »              145

A)   Il monocolore Andreotti

B)   Il nuovo Metternich

 

Senato della Repubblica

- 7 -

Camera dei deputati

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

C)   Il governo di «svolta democratica»                                                                                                     

D)   Il tripartito moderato (Andreotti II)


 

 

II - Chiusura al MSI e svolta moderata                                                                                               »              150

 

A)   «Opposti estremismi» o «unità antifascista»?

B)   Ex-partigiani bianchi e presunti golpisti

C)   La politica militare DC e PCI

D)   La «pista nera» da Treviso ... a Catanzaro

III - Capitale, finanza e sindacato                                                                                                        »              157

A)   «Scommessa contro la lira»

B)   «Alleanza dei ceti produttivi»

IV - Il neo-imperialismo italiano                                                                                                          »              160

A)   Mare Nostrum e «Quarta Sponda»

B)   «Schieramenti latini» e moniti americani

C)   L'allarme di Forlani

V - Il «Partito Armato»                                                                                                                       »              168

A)   Il «caso Feltrinelli»

B)   Le due istruttorie sul «Partito Armato»

C)   Il «memoriale Pisetta»

D)   L'omicidio Calabresi

E)    L'arsenale di Camerino

VI - La «soglia di Gorizia»                                                                                                                  »              176

A)  L'offensiva degli Ustascia

B)   Lo scioglimento della Terza Armata

C)   Lo smantellamento dei NASCO

D)   La strage di Peteano e il dirottamento di Ronchi

1973 - L'attentato a Rumor                                                                            »              185
(1º Semestre)

I - La Santa Alleanza                                                                                                                           »              186

A)   Il Congresso di Vienna

B)   L'apertura ai comunisti

C)   il PCI condanna la violenza di sinistra

II - Il nuovo Mattei                                                                                                                             »              194          .

A)   «Petrolio»

B)   I Carabinieri tra Cefis e Gelli

C)   Contromisure atlantiche

D)   lnformation Warfare

E)    Psywar a Verona

F)    Colby direttore della CIA

G)   Siluro a Fanfani

H)   Bomba a Rumor

1973 – Il «Compromesso storico»                                                                   »              210  
(2° Semestre)

I - Il colpo di coda di Fanfani                                                                                                              »              211

 

Senato della Repubblica

- 8 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

A)   Il patto di Palazzo Giustiniani                                                                          

B)   Il  quarto Governo Rumor

C)   La «copertura» a Giannettini

D)   L'ambasciatore Volpe


 

II - La svolta comunista                                                                                                       »              219                        


 

A)    La morte di Secchia

B)     Il Watergate

C)     Il colpo di stato in Cile

D)    Mare Nostrum l

E)     La guerra del Kippur

F)     GeIlì in azione

G)    Asaltos contro Carabineros

H)     L'istruttoria Tamburino

I)       Mare Nostrum 2

L)      «Compromesso storico» o «alleanza dei ceti produttivi»?

M)   Smobilitazione della FIAT?

 

1974 – La sconfitta di Fanfani e la «rivoluzione dei Garofani»                                    »              232
(1º gennaio – 28 maggio)

I - «Nano zero - Masse uno»                                                                                                           »              233                        


 

A)    Il Tevere più largo

B)     «La lira chiede aiuto a Berlinguer»

C)     «Petrolio»

D)    /nformation Warfare

E)     Rebus 1: Cefis e Gelli, amici o nemici?

F)     Rebus 2: Maletti e Cefis, amici o nemici?

 

II - La «rivoluzione dei garofani»                                                                                                        »              245

 

A)   La politica militare dei comunisti

B)    La Difesa ad Andreotti

C)    La minaccia «fanfan-gollista»

D)   Il sequestro Sossi

 

1974 – L’unità antifascista                                                                             »              254
(28 maggio – 31 dicembre
)

I - La strage di Brescia                                                                                                                         »              255

 

A)     «Crocevia del Tritolo»

B)     Piazza della Loggia


 

II - Il golpe «bianco-nero»                                                                                                                   »              261         

 

A)   L'intervista a Massimo Caprara

B)    Le dimissioni di Rumor

C)    il «rapporto Maletti»

D)   «Operazione Ammiraglio» Due?

E)    Unità Antifascista Mediterranea («Ankara, Atene, adesso Roma

viene ... »)

F)    Miceli scende, Giudice sale

 

III - La strage dell' «Italicus»                                                                                                                               »              271         

 

A)    L' «Italicus»

B)    La presidenza Ford

  

Senato della Repubblica

- 9 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

C)   La morte di Borghese

D)   Il comando delle BR a Moretti

 

 

 

IV - Da Rumor a Moro-quater                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       »          276         

A)                 A cena con Andreotti

B)                  La «terza fase»

C)                  La crisi di governo

D)                 Doppia epurazione partigiana: Lazagna e Sogno

E)                  Avvertimento a Monti

F)                  L'arresto di Miceli

G)                 «Il potente era Carlo»

H)                 «Italy in Agony»

I)                    Il quarto Governo Moro

L)                  La spartizione della RAI-TV

M)                Salvini scomunica Gelli

N)                 Il complotto «fanfan-nuclearista»

O)                 «Tempesta sulla CIA»

P)                  «A che scopo rivangare? »

 

 

1975 - Aspettando il «sorpasso»                                                                                 »              291

I -   Il sindacato di polizia
II -  Il dopo Nixon

III - Il dopo Andreotti

IV - Armi contro petrolio

V -   La scarcerazione di Miceli
VI -  Assestamento a destra

VII - Strategia Mediterranea

Aprile-dicembre

Pubblicazioni consultate                                                                                                                »              323

 

Senato della Repubblica

 98 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI Dl LEGGE E RELAZlONI - DOCUMENTI

come l'autore della «strage della corriera» (ottobre 1945). Nel luglio 1960
di
sperde con un semovente M-36 il posto di blocco comunista salvando
alcuni agenti dal linciaggio. Frequenta in località imprecisata del territorio
nazion
ale (probabilmente Capo Marrargiu) il lº corso di sopravvivenza e
controguerriglia (poi antisabotaggio) dove incontra almeno un sudcoreano
e u
n tedesco.

Testimonianza di Spiazzi sul periodo in Alto Adige. Nel 1961-'62,
in ser
vizio di ordine pubblico in Alto Adige, comanda il Reparto di P.I. di
Bolzano (compo
sto di militari di leva demoralizzati per essere stati tratte-
nuti in
servizio oltre i diciotto mesi di ferma) con il quale asserisce di aver
arre
stato due attentatori di tralicci segnalatigli dagli schuetzen, che so-
spetta essere carabinieri travestiti e che vengono presi in consegna da
un funzionario dei Servizi (v. Commissione stragi, Relazione Boato,
Doc. XIII, n. 52. pp. 11-102. A tale riguardo, imputato per calunnia il
27 febbraio 1990, Spiazzi verrà assolto il 22 aprile 1992). Conquistato,
tra
mite una certa Mitzi, dalle tradizioni e dal semplice stile di vita dei
contadin
i sudtirolesi e disgustato dalle vessazioni cui sarebbero sottoposti
da parte soprattutto di elementi della polizia, il 4 novembre 1961, con un
picchetto armato di venti
«barbacani» (sabotatori), depone una corona al
monumento ai caduti austro-ungarici con la scritta «I soldati italiani ai
loro valorosi ex-nemici. Per una Europa degli europei». Ammiratore
(
con qualche incongruenza logica) dell'OAS (mortale nemico di De
Gaulle
), ritiene che, a causa del prevalere nell'Esercito dell'aborrita cor-
rente
«atlantista» su quella «nazionalista» (rectius «neogollista»), l'Alto
Ad
ige sia stato cinicamente trasformato in «palestra di guerriglia», con
la
«strumentalizzazione, più o meno consapevole, di una aliquota di ma-
novalanza di destra da parte del potere per azioni di provocazione
svolte
a tutto vantaggio della stabilizzazione del regime»
. Suppone l'esistenza di
«
piccole bande dipendenti dai Servizi ed appartenenti ad una fazione filoa-
tlantica interessata a rinfocolare la guerriglia per sperimentare tattiche di
gue
rra rivoluzionaria e trarne gli opportuni insegnamenti». Ritiene credi-
bili gli
amici sudtirolesi che negano responsabilità per gli attentati di Ve-
rona (monumento ad Ederle e stazione ferroviaria, con un morto) e so-
stiene di aver ricevuto approcci da un «funzionario di Roma» circa even-
tu
ali «botte la sua abilità nel confezionare, oltre che nel disinnescare,
ordigni esplodenti.

L'«O. S. Esercito» (1967-1973). Assunte le funzioni di ufficiale «I»
del gruppo d'artiglieria da campagna a Verona, Spiazzi asserisce di essere
stato incaricato, nel 1967, di costituire, nel quadro di un radicale muta-
mento dei piani operativi in caso di guerra, basati adesso sulla manovra
i
n ritirata e sulla difesa in profondità sugli Appennini, la cosiddetta «V
Legione
» (Verona) dell' «Organizzazione (occulta) di Sicurezza (O.S.)»,
che asserisce del tutto distinta dall'Organizzazione occulta di «persistenza
o
ltre le linee» (stay behind) oggi convenzionalmente nota come «Gladio»
(i
l che, osserva Ilari, è coerente, dato che Spiazzi ne asserisce la dipen-

 

Senato della Repubblica

- 99 -

Camera dei deputati

 

XII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

denza dall'Esercito, mentre la cosiddetta «Gladio» dipendeva dal SID,
cioè dallo Stato Maggiore Difesa: e bisogna tener presente che, soprattutto
allora, l'ordinamento delle Forze Armate era costituito da «un Sacro Ro-
m
ano Impero e da tre Monarchie assolute»!). Secondo Spiazzi l'O. S.,
s
ciolta nel 1973, era reclutata principalmente per selezione di militari di
leva idone
i all'atto del congedo per fine ferma, rigorosamente di orienta-
mento politico filogovernativo con es
clusione di comunisti, psiuppini e, al-
meno in teor
ia, anche di missini legalitari (la discriminazione politica ve-
niva effettuata dalla struttura territori
ale dei carabinieri mediante compila-
zione del
«modello D»). L'O.S. era priva di armi (neanche depositate) e,
secondo le indicazioni di Spiazzi, presumibilmente appoggiata o almeno
collegata all'org
anizzazione territoriale dei carabinieri (donde, secondo
Sp
iazzi, il nome «legione»). Il personale, ordinato in «manipoli» e «decu-
r
ie», avrebbe incluso i seguenti incarichi: a) «calamite» (civili incaricati di
prestare assistenza ai militari sbandati e di avviarli ai centri di formazione
del
le bande partigiane); b) «talpe» (insospettabili, incaricati di raccogliere
informazioni sulle forze di occupazione e sulla struttura collaborazionista);
c) «trasmettitori» (incaricati di trasmettere in qualsiasi modo tali informa-
z
ioni); d) «staffette» (donne); e) «guerriglieri» (per la costituzione delle
bande partigiane). Sull'incontro in Germania e in Italia, v. infra, 28
aprile-1° maggio 1972 e «fine del 1972-primi del 1973». Sulla sua ver-
sione del golpe Borghese v. infra, 8 dicembre 1970. Sul Progetto Rosa
dei Vent
i, v. infra, 2 giugno-14 luglio 1973. Sul caso Rosa dei Venti,
v. i
nfra, 27 febbraio e ottobre 1973.

22 luglio 1970. Stragismo? Deraglia un treno a Gioia Tauro (6 morti
e 50 feriti
). L'incidente è provocato dall'allentamento dei bulloni. L'inda-
gine
sull'ipotesi di un sabotaggio sarà aperta con enorme ritardo e verrà in
seguito archiviata.

23-27 luglio 1970. Latitanza di Delle Chiaie. Il 23 luglio, interro-
gato
al Palazzo di giustizia di Roma quale teste nell'ambito delle indagini
s
ugli attentati del 12 dicembre 1969, Delle Chiaie approfitta di una breve
sospensione, concessagli per andare in bagno, per eclissarsi. Il 27 luglio il
g
iudice istruttore Cudillo spicca nei suoi confronti mandato di cattura per
reticenza.

24 agosto 1970. Nomine militari. L'ammiraglio Francesco Brunetti
assume l'incarico di COMAFMEDCENT.

28 agosto 1970. Attentato sventato a Verona. Un sottufficiale della
Polfer in servizio nella stazione di Verona nota una valigia sospetta abban-
donata in una sala d'aspetto e la porta in un luogo isolato, dove esplode
un
'ora dopo (Flamini, II, p. 189).

14 settembre - 24 ottobre 1970. Nomine militari. Il generale Gala-
teri di Genola ria
ssume per la seconda volta l'incarico di comandante in-

 

Senato della Repubblica

- 180 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

tifascista del Veneto», dati i rapporti del PCI con l'URSS e dell'URSS
con
il regime di Tito. Anche la decisione di ristrutturare la rete stay be-
hin
d
e smantellare i NASCO, forse allo scopo di evitare eventuali tenta-
zioni antislovene e filocroate ai vari Specogna locali (fatta salva l' onora-
bil
ità del simpatico colonnello, citato solo come simbolo di un atteggia-
mento p
sicologico assai diffuso nella società friulana e triestina memore,
a differenza di quella romana, della strage di Porzus, delle Foibe, dell' oc-
cupazione titina di Trieste e della
«pulizia etnica» operata in Istria e Dal-
mazia)
va probabilmente inquadrata nella cooperazione militare segreta
NATO-RSFJ.

Sarebbe auspicabile una relazione del Governo sulla politica di sicu-
rezza na
zionale e interalleata in relazione alla crisi jugoslava del 1968- '72,
fatta salva la tutela degli elementi che debbono ancora restare coperti da
segreto politico-militare interalleato.

C) LO SMANTELLAMENTO DEI NASCO

Aprile 1972. Eliminazione dei NASCO della rete «stay behind»
(Caso Gladio).
All'inizio del 1972 un'indagine disposta dal generale Ser-
ra
valle, capo dell' organizzazione occulta di «persistenza oltre le linee»
(st
ay behind) dipendente dal SID e dal 1990 nota con l'appellativo gior-
nali
stico di «Gladio», accerta che «circa metà degli adepti» condivide l'i-
dea che occorra
«agire preventivamente» contro i comunisti, ritenuti po-
tenzial
i fiancheggiatori del nemico in caso di attacco sovietico. A seguito
dell
'indagine, Serravalle dispone la sostituzione di quindici quadri perife-
rici
e il passaggio in «riserva» di un centinaio di elementi, senza tuttavia
informarne i superiori. In aprile il casuale rinvenimento, da parte de
i ca-
rabinieri di Aurisina, di due depositi occulti di armi ed esplosivi (NASCO)
della stay behind, che Serravalle dichiarerà nel 1991 di aver considerato
«provvidenziale», gli consentirà di proporre lo smantellamento di tutti i
127 NASCO. Il SID, senza darne avviso agli alleati, accoglie la proposta
e dispone il deposito del materiale presso cinquanta caserme delle Legioni
carabinieri di Udine, Padova, Bolzano, Brescia e Milano. Il ritiro del ma-
teri
ale, che non equivale al disarmo della stay behind, viene compensato
d
alla previsione di aviolanci e dallo stoccaggio di altro materiale presso
le stazioni carabinieri di frontiera. Nel 1974-'76 la struttura periferica
d
ella stay behind viene riordinata su Unità di guerriglia, Reti di azione
clandestina e Nuclei di informazione ed esfiltrazione, rispettivamente su
105
, 25 e 5 effettivi, per un totale di 2.874 unità. Peraltro l'elenco uffi-
ciale dei civili reclutati dalla rete sin dalla sua costituzione, reso pubblico
nel 1990
, conterrà soltanto 622 nominativi. Nel 1976 tutto il materiale re-
cuperato
verrà definitivamente trasferito nella base segreta di Capo Mar-
rargiu, in Sardegna.

Appartenevano ad un NASCO le armi trovate su un'auto fermata
il 2 maggio 1972 dalla Guardia di finanza?
Non risulta, sulla base della

 

Senato della Repubblica

- 181 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI Dl LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

letteratura esaminata, che sia stata finora verificata l'ipotesi di un possibile
collegamento tra lo smantellamento dei NASCO e il fermo di una auto
c
arica di armi ed esplosivi verificato si il 2 maggio 1972 ad un posto di
blocco della Guardia di Finanza. Il guidatore
, il sindacalista della CISNAL
Lui
gi Biondaro, asserisce di stare effettuando il trasporto «per conto dei
carabinieri
» e viene rilasciato dopo l'intervento del comandante del
gruppo Trento dell
' Arma, tenente colonnello Michele Santoro (accusato
da Lott
a Continua di aver orchestrato il memoriale Pisetta e le bombe
di Trento). Rispondendo ad una interrogazione del PCI, Rumor risponde
che nes
suno aveva impartito a Biondaro tale ordine, ma che nella sua con-
dotta non poteva riscontrarsi il dolo (Flamini, III
, pp. 157-158).

Testimonianza di Miceli sulla stay behind. Nella sua deposizione
del
14 dicembre 1977 nell'ambito dell'istruttoria sul presunto «Super-
SID» Miceli descriverà con esattezza le caratteristiche organiche della
stay
behind: «Vuole sapere se esiste un organismo segretissimo nell'am-
bi
to del SID. Ho parlato delle 12 branche in cui si divide. Ognuna di
esse ha come appendici altri organismi, altre organizzazioni operative,
s
empre con scopi istituzionali. C'è, ed è a conoscenza anche delle mas-
sime autorità dello Stato. Vista dall'esterno, da un profano, questa orga-
nizzazione può e
ssere interpretata in senso non corretto, potrebbe apparire
come qualcosa di estraneo alla linea ufficiale. Si tratta di un organismo
inserito nell'ambito del SID, comunque svincolato dalla catena di ufficiali
app
artenenti al servizio «I», che assolve compiti pienamente istituzionali,
anche se si tratta di attività ben lontane dalla ricerca informativa. Se mi
chiedete dettagli particolaregg
iati, dico: non posso rispondere. Chiedeteli
alle massime autorità dello Stato, in modo che possa esservi un chiari-
mento de
finitivo» (Teodori, p. 70).

Accenno alla stay behind nel Memoriale estorto dalle BR a
Moro?
È possibile che, sollecitate dall'inchiesta sul presunto «Super-
SID
» e incuriosite dalla testimonianza di Miceli, le BR abbiano posto a
Moro un quesito sulla stay behind. Tuttavia il Memoriale da loro estorto
a Moro risponde soltanto al quesito circa la presunta modifica dei piani
strategici della NATO in senso «guerrigliero», accennando assai indiretta-
men
te al Club di Berna, e l'unico accenno che potrebbe considerarsi una
r
isposta (intenzionalmente depistante?) ad un possibile «quesito» sull' «or-
g
anizzazione» ammessa da Miceli, è il seguente: «circa l'ultimo quesito
sono convinto che tutto in Europa, in campo militare, è a guida americana,
mentre può immaginarsi una certa presenza tedesca, quasi per delega, nel
settore dei servizi segreti» (ed. Biscione, pp. 90-92).

La distruzione dell'esplosivo di Aurisina come depistaggio delle
indagini sui Peteano?
Nel novembre 1990, nel contesto del caso Gladio
scaturito dall'Istruttoria Peteano- Bis (v. infra, 31 maggio 1972) il giudice
istruttore Mastelloni disporrà il recupero di nove dei dieci NASCO che nel
1973
il SID aveva ritenuto non recuperabili (sei in Friuli, uno nel Vero-

 

Senato della Repubblica

- 182 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLA TURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

nese e due in Piemonte). La Prerelazione Gualtieri del 9 luglio 1991
(Commissione bicamerale sul terrorismo e le stragi, X legislatura, Doc.
XXIII n. 36) qualificherà le false indicazioni fornite all'autorità giudiziaria
dal comandante della Legione carabinieri di Udine, colonnello Mingarelli,
nonchè la successiva distruzione dell'esplosivo rinvenuto ad Aurisina, «un
vero e proprio atto di depistaggio e falsificazione delle prove», teso a «di-
struggere tutti gli elementi che potessero condurre al Sid». Inoltre, in base
alla testimonianza di Serravalle e citando a conferma la figura del colon-
nello Specogna, la Prerelazione metterà in dubbio che i criteri ufficiali di
arruolamento («basso profilo» politico e sicura affidabilità democratica del
censito) siano stati effettivamente rispettati.

28 aprile -1° maggio 1972. Asserita riunione in Germania dell'Or-
ganizzazione di Sicurezza.
Spiazzi (p. 145) asserisce di aver partecipato,
quale comandante della «V Legione (Verona) dell'Organizzazione di Sicu-
rezza» (v.
supra, 15 luglio 1970) e unitamente ad i cinque «capidecuria»,
ad una riunione di «esponenti» delle corrispondenti organizzazioni nazio-
nali «occidentali» nonchè della «resistenza» Est-Europea, che si sarebbe
svolta dal
28 aprile al lº maggio 1972 a Germund Eiffel in Germania oc-
cidentale. Non specifica lo scopo né gli argomenti trattati.

D) LA STRAGE DI PETEANO E IL DIROTTAMENTO DI RONCHI

31 maggio 1972. Strage di Peteano. A Peteano di Sagrado, presso
Gorizia, un'autobomba dilania tre carabinieri e ne mutila un quarto (v.
Flamini, III
, pp. 179-186).

Giugno 1972. Lettere anonime. Lettere anonime (poi attribuite a
Mario Roitero, funzionario della prefettura di Trieste) agli inquirenti indi-
cano quali autori gli estremisti di destra Boccaccio, Cicuttini e Vinci-
guerra. L'll novembre
1976 Roitero verrà trovato morto, all'interno del
proprio ufficio, in circostanze che nell' agosto
1986 solleveranno dubbi
nel giudice Casson.

7 ottobre 1972. Dirottamento aereo di Ronchi (Strage di Peteano-
depistaggio?).
L'ex-paracadutista Ivano Boccaccio è ucciso dalla polizia
dopo aver dirottato un
Fokker sull'aeroporto di Ronchi dei Legionari
con la complicità di Vinciguerra, arrestato, e di Cicuttini, che riesce a fug-
gire in Spagna. Si suppone che Boccaccio intendesse ottenere la libera-
zione di Freda, la cui evasione è programmata dal SID (Flamini, III,
pp.
234-236).

Novembre 1972. Ordine del SID ai carabinieri di Udine? Secondo
l'interpellanza socialista (Fortuna e altri) del
17 dicembre 1975, nel no-
vembre
1972 il SID avrebbe impartito al colonnello Dino Mingarelli, co-
mandante della Legione carabinieri di Udine, l'ordine di non dar corso al-

 

Senato della Repubblica

- 183 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

l'indagine sulla cellula neofascista di Udine, ordine che Mingarelli
avrebbe eseguito.

Primo processo. Le indagini vengono orientate su sei delinquenti co-
muni, rinviati a giudizio dalla magistratura goriziana (pubblico ministero
Bruno Pascoli e giudice istruttore Raoul Cenisi) ma assolti per insuffi-
cienza di prove il 7 giugno 1974; tale assoluzione è commutata in appello,
il 3 dicembre 1976, in formula piena per tre degli imputati, che presente-
ranno denunce per falso contro due magistrati e tre ufficiali dei carabi-
nieri, tra cui Mingarelli. Il 23 giugno 1978 la Cassazione annullerà con
rinvio e la seconda sentenza d'appello del 25 giugno 1979 assolverà tutti
gli imputati con formula piena.

17 dicembre 1975. Interpellanza socialista, primo firmatario For-
tuna, accusa il generale Mingarelli e cinque magistrati di Gorizia e Trieste
di subornazione di testi, omissione di atti d'ufficio e falso ideologico per
aver tentato di incriminare per l'attentato alcuni militanti di Lotta Conti-
nua e non aver dato corso all'indagine sulla cellula neofascista di Udine
dopo l'ordine impartito dal SID nel novembre 1972.

17 giugno 1978-19 marzo 1979. Processo a Mingarelli. Il 7 giugno
1978 il giudice istruttore di Venezia aprirà formale istruttoria per sospetto
depistaggio. Il 30 novembre 1978 tale Vittorio Talamone denuncerà alla
procura generale di Trieste, quali ideatori della strage, Mingarelli e altri
tre ufficiali dei carabinieri e quali esecutori Boccaccio, Cicuttini, un
agente del SID e altre tre persone, asserendo inoltre che sei magistrati
del primo processo avrebbero sin dall'inizio avuto piena contezza dell'in-
nocenza degli imputati. La procura di Venezia rinvierà a giudizio Minga-
relli, due capitani e Bruno Pascoli
. Il 19 marzo 1979 il solo Mingarelli
verrà condannato a dieci mesi per abuso di potere e falso ideologico.

Maggio 1979. Il SISMI (Santovito) denuncia favoreggiamento di
Cicuttini da parte del MSI.
Nell'ambito del processo per il dirottamento
di Ronchi, il presidente della Corte d'assise di Venezia dà lettura di una
nota trasmessa dal generale Santovito, capo del SISMI, nella quale si so
-
stiene che la voce registrata che ha effettuato la rivendicazione di Peteano
è quella di Cicuttini e che quest'ultimo sarebbe stato operato alle corde
vocali in Spagna con una spesa di 35.000 dollari pagata dal MSI tramite
il suo legale Eno Pascoli, segretario del MSI di Gorizia. Il 28 giugno 1980
Eno Pascoli e lo stesso Almirante saranno raggiunti da comunicazioni giu-
diziarie per favoreggiamento.

Giugno 1984. Confessione di Vinciguerra. Nel giugno 1984, dopo la
condanna a dodici anni di reclusione per il dirottamento, Vinciguerra con-
fesserà di essere l'autore, assieme a Cicuttini e Boccaccio, anche della
strage di Peteano, dichiarando di averla commessa per colpire la collusione
dell'ambiente neofascista con i settori deviati dell'apparato di sicurezza.

 

Senato della Repubblica

- 184 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

Processo contro Vinciguerra, Cicuttini, Mingarelli e altri. Nel-
l'ambito della terza istruttoria per la strage, il 26 aprile 1985 la procura
di Venezia (giudice istruttore Felice Casson) incriminerà per strage Vinci-
guerra; per aver simulato l'esistenza di una pista rossa i generali dei ca-
rabinieri Palumbo (iscritto alla P2, in seguito deceduto) e Mingarelli non-
chè altri 5 ufficiali del SID, dei carabinieri e della Guardia di finanza e un
magistrato; per falsa testimonianza l'ex-prefetto di Gorizia; e per favoreg-
giamento nei confronti di Cicuttini l'onorevole Giorgio Almirante. Il 4
agosto 1986 Casson li rinvierà a giudizio. Il 25 luglio 1987 la Corte d'as-
sise di Venezia condannerà all'ergastolo Vinciguerra e Cicuttini per
strage; e alla reclusione altri cinque neofascisti (tra cui Zorzi, Maggi e Di-
gilio, attualmente rinviati a giudizio per la strage di Piazza Fontana) per
associazione sovversiva. Condannerà inoltre Mingarelli e altri due ufficiali
per occultamento e falsificazione di rapporto giudiziario, distruzione di
corpi di reato e calunnia nei confronti dei primi imputati
. La sentenza
verrà confermata in appello il 5 aprile 1989. Il 29 gennaio 1990 la
Se-
zione della Cassazione (Presidente Corrado Carnevale) annullerà la sen-
tenza, con rinvio ad altra sezione della stessa Corte d'assise d'appello,
nei confronti dei tre ufficiali. Il 6 maggio 1991 gli imputati verranno as-
solti con formula piena dal delitto di calunnia e condannati per il solo
falso continuato.

Istruttoria Peteano «bis», Nell'ambito del supplemento di istruttoria
(«Peteano bis») per accertare le ragioni del depistaggio, ed ipotizzando
che mirasse a coprire l'esistenza della stay behind (cosiddetta «Gladio»)
o addirittura una sua eventuale implicazione nella strage o anche in altre
stragi, il 3 gennaio 1989 Casson chiederà il rinvio a giudizio di Mariano
Rumor, Roberto Jucci, Fulvio Martini, Paolo Inzerilli (rispettivamente ex-
ministro dell'Interno, ex-comandante generale dei Carabinieri, ex-capo del
SISMI ed ex-capo della stay behind) , nonchè dell'onorevole Rauti e di 3
magistrati. Il 10 ottobre 1991, avendo il governo rivelato l'esistenza della
stay behind, il giudice istruttore di Venezia declinerà la propria compe-
tenza territoriale in merito alle posizioni di Inzerilli e Martini, trasmet-
tendo gli atti alla competente procura di Roma. Muovendo dall'ipotesi
che l'esplosivo usato per l'attentato fosse quello di tipo C4 risultato man-
cante nei due NASCO rinvenuti nell'aprile 1972 ad Aurisina, Casson av-
vierà infine altro procedimento collaterale nei confronti dell' ex-perito ba-
listico del tribunale di Venezia, condannato in primo grado a Venezia il 28
ottobre 1993 per favoreggiamento e peculato e contro un ufficiale dei ca-
rabinieri e due dei servizi segreti, condannati in primo grado per falsa te-
stimonianza, nonchè contro tre funzionari di polizia e un sottufficiale dei
carabinieri (assolti). In parziale riforma, il 20 febbraio 1996 la Corte
d'Appello di Venezia assolveva i tre ufficiali condannati in primo grado
e il perito dai reati di falsa testimonianza e favoreggiamento, condannan-
dolo per il solo peculato. Sentenza confermata in cassazione.

 

Senato della Repubblica

- 207 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI Dl LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

balle e che (lo) fece arrabbiare». Secondo P. Maurizio il Corriere della
Se
ra
è stato il primo, nel 1997, a riferire della testimonianza di Dalla Co-
sta
, mentre «a luglio di quest'anno (1998) i giornali, parlando della sen-
tenza del giudice Lombardi hanno fatto a gara nell' ometterlo o a farne
qu
alche breve cenno» (v. bibl.).

17 maggio 1973. Fallito attentato contro l'ex ... o il prossimo Pre-
sidente del Consiglio?
Durante la cerimonia per il l° anniversario dell'uc-
cisione del commissario Calabresi, il sedicente anarchico Gianfranco Ber-
toli scaglia una bomba a mano tra la folla davanti al portone della Que-
stura di Milano (4 morti e 36 feriti).

Profilo di Bertoli (Flamini, II, pp. 200-201). Negli anni Cinquanta è
stato iscritto al PCI, poi aderente al movimento anticomunista di Sogno e
Ca
vallo Pace e Libertà (Cipriani, Giudici, p. 44). Pregiudicato per reati
comuni e confidente della polizia e del SIFAR, nel luglio 1970 giunge
o
spite all'OASI (Opera assistenza scarcerati italiani) di Padova dove tra-
mite il neofascista Tommasoni (lo stesso che nel 1969 ha indirizzato il
commissario Juliano sulla pista di Fachini e Freda) frequenta la libreria
«Ezzelino» di Freda, dove legge L'Unico di Max Stirner nell'edizione fat-
tane da Ventura. La lettura lo converte agli ideali anarchici. Il 3 ottobr
e
1970 Tommasoni lo denuncia per una tentata rapina a mano armata, reato
pe
r il quale verrà processato in contumacia e assolto con formula piena
nel giugno 1971. Bertoli infatti si sottrae all'arresto raggiungendo a Mi-
lano un amico di Sondrio (Aldo Bonomi che nel 1974 verrà arrestato
come
sospetto appartenente alle BR) che gli procura un passaporto falso
inte
stato a un estremista di sinistra. Dalla Svizzera passa in Provenza e a
Marsiglia ottiene il visto per Israele dove per un anno lavora in un
kib-
bu
tz,
forse con la copertura del Mossad (cfr. Rivers, p. 210: «gli israeliani
sono stati particolarmente abili nell'addestrare tutta una serie di elementi
s
tranieri che vengono aiutati a prendere contatto con gli arabi»). Il com-
mi
ssario Calabresi «segue minuziosamente queste operazioni di trasferi-
mento
» e apre un fascicolo su Bertoli con fotografia e fotocopia del pas-
saporto falso. Secondo una confidenza che asserisce ricevuta il 20 dicem-
bre 1991 a Roma «da un ex ufficiale del SID», Cipriani (Giudici, pp. 91 e
224 nt. 73) asserisce che lo stesso kibbutz di Bertoli sarebbe stato «visitato
da una delegazione di ufficiali dell
'ufficio D del SID». Bertoli torna in
Italia
(da Marsiglia?) poco prima di commettere l'attentato. Nel novembre
1990
il ritrovamento di un omonimo, con dati anagrafici molto simili (ma
n
on identici) nella lista di «gladiatori» esibita dal Governo Andreotti su
rich
iesta del giudice Casson, susciterà l'ipotesi di un qualche coinvolgi-
mento ne
lla strage anche dell' organizzazione occulta di persistenza oltre
le linee (stay behind) dipendente dal servizio informazioni militare (v. su-
p
ra, aprile 1972).

Offerte israeliane alle BR per destabilizzare l'Italia? Secondo la
testimonianza resa dal brigatista Bonavita al giudice Ferdinando Imposi-

 

Senato della Repubblica

- 228 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI Dl LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

avrebbe deposto di essere stato sempre trattato con giustizia e addirittura
agevolato nella lettura dei suoi testi di sociologia che in camerata pote-
vano port
are all'accusa di fare propaganda politica).

18 novembre 1973. Elezioni trentine e amministrative. Notevole
flessione del PLI, buona tenuta della DC e deciso incremento del PSI e
del PCI
. Stabile il MSI-DN.

I) MARE NOSTRUM 2

23 novembre 1973. La vendetta del Mossad?. L'aereo Argo-16 che
una
settimana prima ha trasferito in Libia via Malta i due terroristi rila-
sciati (v. supra, 5 settembre 1973), precipita nei pressi di Porto Marghera.
L
'incidente, nel quale periscono quattro ufficiali, è attribuito a sabotaggio.
Nel maggio 1986 il generale Viviani avanzerà l'ipotesi di una ritorsione
attuata d
al servizio segreto israeliano (Mossad). L'ex-agente Viktor
O
strovsky (che peraltro data erroneamente il fatto al l° marzo 1974) ipo-
ti
zzerà invece una responsabilità dell'OLP. L'ipotesi Mossad non verrà
confermata né dal generale dell' Aeronautica Piccio (arrestato dal giudice
istruttore Mastelloni nel novembre 1988) né dai responsabili del SID
,
otto dei quali, incluso Viviani, saranno incriminati da Mastelloni il 20
genn
aio 1989. Il 7 agosto 1989 il VII Governo Andreotti deciderà di op-
po
rre sulla vicenda il segreto di Stato. Il 28 novembre 1990 il generale
Se
rravalle si collegherà con la trasmissione televisiva Telefono giallo
per esprimere il convincimento che l'attentato abbia avuto una matrice
«domestica»: sarebbe stato compiuto per impedire lo smantellamento degli
a
rsenali clandestini deciso nel 1972. A suffragio di questa ipotesi, Serra-
valle aggiungerà di aver personalmente dubitato dell'affidabilità democra-
tica di una parte dei «gladiatori». Nella deposizione resa alla Commis-
sione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo e le stragi presieduta dal se-
natore Gu
altieri, Serravalle ammetterà di non aver peraltro informato di
ciò i propri superiori. Il 17 aprile 1991 Mastelloni incriminerà per con-
corso in strage il generale Zvi Zamir, all'epoca capo del Mossad.

25 novembre 1973. Colpo di Stato militare in Grecia. Facendo se-
guito al
«complotto della marina», un colpo di Stato militare, attuato
sen
za spargimento di sangue e di ispirazione moderata e monarchica, ro-
vescia in Grecia il regime repubblicano di destra del presidente Papadopu-
lo
s e il Governo del generale Markezinis.

Novembre 1973. Libro bianco della Marina. Lo Stato Maggiore
della Marina pubblica il famoso «libro bianco» (Prospettive e orientamenti
di massima della Marina Militare per il periodo 1974-1984
) che disegna,
da una prospettiva navale, il ruolo strategico dell 'Italia nel Mediterraneo,
base della richiesta di un finanziamento decennale di 1.000 miliardi. Gli
analoghi Libro azzurro dell' Aeronautica e Libro Verde dell'Esercito segui-
ranno
soltanto nel 1975. Secondo Ilari questo ritardo e il contenuto delle