CRONOLOGIA “CASO GLADIO”: fatti e misfatti!

 

  29/12/2000


 

SENATO DELLA REPUBBLICA                   CAMERA DEI DEPUTATI

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI · DOCUMENTI

IL TERRORISMO E LE STRAGI IMPUNITE
IN ITALIA

Elaborato redatto dai senatori Vincenzo Ruggero Manca,
Marco Toniolli, Cosimo Ventucci

e dai deputati Antonio Leone, Raffaele Marotta
e Enrico Nan

29 dicembre 2000

 

Senato della Repubblica

- 255 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

I firmatari della presente Relazione avvertono il dovere di rivolgere
espressioni di viva gratitudine, apprezzamento e stima nei riguardi dei
collaboratori della Commissione stragi, prof. Virgilio Ilari (associato di
«Storia delle istituzioni militari»
- Università cattolia di Milano) e
prof. Gianni Donna (ordinario di «Storia contemporanea»
- Università
di Lecce) per il qualificato e qualificante contributo offerto nell'ambito
della ricerca ed analisi documentaria nonché dell'impostazione del
lavoro.

Ringraziamenti ed apprezzamenti vanno, infine, agli impiegati della
Commissione stragi che si sono prodigati, con professionalità e serietà
nell' ambito delle rispettive competenze e specializzazioni.

 

Senato della Repubblica                     - 257 -                         Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

INDICE

1. ATTIVIDELLA COMMISSIONE

 

- Attività nelle Legislature X e XI                                                                                         Pag.                        259
- Attività nella XII Legislatura                                                                                                              »                             260

- Attività nella XIII Legislatura                                                                                                             »                             264

 

2. IL TERRORISMO E LE STRAGI IN ITALIA
- Introduzione                                                                                                                          »                             267

- Il quadro storico internazionale alla fine della seconda guerra

mondiale                                                                                                                                »                             268

- L'Italia alla fine della guerra                                                                                                 »                             270

- Le origini dell' apparato paramilitare clandestino del PCI («Gladio

Rossa»)                                                                                                                                 »                             272

- Gli Alleati e l'esercito rosso clandestino                                                                           »                             274

- Struttura ed organizzazione della «Gladio Rossa»                                                           »                             275

- Il significato della «Gladio Rossa» nella Società e nella politica

Italiane                                                                                                                                   »                             277

- «Gladio Rossa» e Brigate Rosse: il terrorismo ignorato                                                 »                             281

- Nuovi elementi sui rapporti fra il PCI e il PCUS                                                                               »                             284

- L'Italia e la politica di «interdipendenza»                                                                          »                             292

3. REVISIONE DEI CONCETTI CRITICI NELLA STORIA ITALIANA ED INTERNAZIONALE

         - La vulnerabilità italiana alla guerra civile                                                                                 »                             297

         - Sovranità dei partiti e «doppiezza» della democrazia Italiana                                                »                             298

- Il condizionamento della guerra fredda sulla politica interna

Italiana                                                                                                                                   »                             298

- Il condizionamento della guerra fredda sulla politica estera

Italiana                                                                                                                                   »                             300

- L'equivoco della cosiddetta «sovranità limitata» dell' Italia                                                          »                             300

- Atlantismo e anticomunismo                                                                                                              »                             302

- Filosovietismo comunista, filosovietismo italiano e sovversione

Rivoluzionaria                                                                                                                       »                             302

- L'unità nazionale antifascista ed il terrorismo                                                                   »                             304

4. REVISIONE DEL «CONTESTO» DELLE STRAGI IMPUNITE

- Il condizionamento giudiziario                                                                                            »                             305

                 

Senato della Repubblica

- 258 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

 

- Critica del contesto fissato dal canone tradizionale sull'eversione

e le stragi                                                                                                                            »                             305

                                                                             

                - Le indagini sulla rete occulta di «persistenza oltre le linee» (Stay

behind)                                                                                                                               »                             306

- Mancata connessione con i casi Feltrinelli e Calabresi                                               »                             307

- La «controinformazione» sulla «Strage di Stato»                                                        »                             308

- Origine della formula «strategia della tensione»                                                          »                             310

- Il pregiudizio autoreferenziale della teoria del «filo rosso» .                                       »                             310

            

5. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE.                                                                                                                                     »                             312

 

Allegati (*):

- Allegato A - Elenco Audizioni.                                                                                                  »                             326

- Allegato B - Indice Resoconti Stenografici                                                                                             »                             329

- Allegato C - Elenco elaborati Collaboratori della Commissione.                                     »                             333

 

 

(*) Gli elenchi e gli indici riprodotti in allegato si riferiscono alla data di deposito
del presente elaborato nell'archivio della Commissione stragi (n.d.r
.).

 

Senato della Repubblica

- 259 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

1. L'ATTIVITÀ DELLA COMMISSIONE

Attività nelle Legislature X e XI

Uno dei compiti fondamentali attribuiti dalla legge 17 maggio 1988
n. 172 alla Commissione bicamerale d'inchiesta sul terrorismo e le stragi
è di accertare «le ragioni che hanno impedito l'individuazione dei respon-
sabili delle stragi e dei fatti connessi a fenomeni eversivi verificatisi in
Italia».

Malgrado questo preciso dettato di legge, fin dall' inizio, la Commis-
sione ha seguito ben altri indirizzi, prendendo a pretesto il rilievo politico
assunto dalle vicende giudiziarie e dalle campagne di stampa, relative, in
particolare, al caso «Gladio» e al «caso Ustica». Nel suo primo quadrien-
nio di attività (X Legislatura, anni 1987-92), la Commissione, guidata dal
senatore Libero Gualtieri, non svolse alcun atto istruttorio relativo alle
stragi «impunite» per una precisa scelta da parte del vertice dell'organi-
smo, favorendo, nell' esame di casi come Gladio e Ustica, strumentalizza-
zioni e interpretazioni infondate degli avvenimenti ed offrendo al Parla-
mento e all'opinione pubblica una relazione finale, approvata a Camere
già sciolte, fuorviante rispetto all'accertamento della verità ed utile solo
al disegno politico di riscrittura della storia d'Italia secondo la «vulgata»
comunista.

Furono svolti 24 atti istruttori, pari al 18,6 per cento del totale, rela-
tivi alla connessione tra la strage di Peteano del 1972 (una delle tre stragi:

Peteano, Questura di Milano, Bologna con sentenza definitiva e l'unica il
cui l'esecutore abbia ammesso la propria responsabilità) e la «operazione
Gladio».

Nessun altro atto istruttorio relativo alle stragi fu compiuto neppure
nel terzo biennio (XI Legislatura, anni 1992-94). In questo periodo, con
l'acquisizione di atti giudiziari e documenti relativi, furono redatte, ad
opera dei magistrati collaboratori, «schede di lettura concernenti le vi-
cende giudiziarie dei principali fatti di strage del 1969-84» (Doc. XXIII,
n. 13, pp. 51-85). Venne costituito, altresì, uno specifico «gruppo di la-
voro» «sulle stragi meno recenti» composto dai senatori Boniver, Saporito
e Tabladini e dagli onorevoli Fava e Rognoni, ma venne accuratamente
esclusa la acquisizione di importanti carte del procedimento giudiziario
sulla Gladio Rossa. Nella seduta del 23 febbraio 1994, la Commissione
approvò la relazione del gruppo di lavoro, redatta dall'onorevole Colaianni
(Doc. XXIII, n. 13, pp. 13-26).

 

Senato della Repubblica

 

- 260 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

Attività nella XII Legislatura

Nel quarto biennio di attività (XII Legislatura), l'indagine relativa
alle stragi «meno recenti» venne notevolmente intensificata, per l' assun-
zione d
i nuovi criteri di ricerca, esposti nella prima relazione semestrale
(Doc. XXIII, n. l, 26 gennaio 1995).

Se è vero che l'attività della Commissione in merito alle stragi impu-
nite (diretta d
al Presidente, Sen. Giovanni Pellegrino) fu stimolata e age-
volata dal nuovo impulso dell'attività giudiziaria, è altrettanto vero che,
nella fase della acquisizione storico-archivistica, si è privilegiata la fonte
giud
iziaria a discapito di altre fonti altrettanto necessarie per l' accerta-
mento della verità storica.

Dopo l'entrata in vigore del nuovo codice di procedura penale, la
Procu
ra della Repubblica di Milano iniziò nuove indagini, condotte col
nuovo rito, sulla strage di Piazza Fontana. Proseguivano, nel frattempo,
in parallelo altri filoni di inchiesta collaterali, pendenti in fase istruttoria
secondo il vecchio rito, nel cui ambito, il 18 marzo 1995, il giudice istrut-
to
re di Milano, dottor Guido Salvini , depositò una corposa ordinanza-sen-
tenza in cui ricostruiva il panorama dell' eversione di destra, nonché le sue
conne
ssioni con massoneria e mafia e con i depistaggi relativi ai progetti
golpisti e ad organizzazioni paramilitari occulte, che nulla avevano a che
f
are con la cosiddetta «Gladio».

Non vennero, però, approfonditi, da parte della Commissione stragi,
al
tri filoni di indagine, quali quelli riguardanti la molteplicità dei soggetti
presenti negli ambienti ricollegabili all'area di fiancheggiamento dell' e-
versione in cui la manovalanza terroristica trovava sostentamento.

Va detto comunque che nuovi elementi, relativi

- ai gruppi Ordine Nuovo, La Fenice, MAR, Avanguardia Nazio-
nale
, Aginterpress;

- a connessioni tra golpe Borghese, gruppi di destra, massoneria e

mafia;

- a progetti golpisti del 1973-74 ed agli attentati «preparatori»;

- a organizzazioni paramilitari Rosa dei Venti e Nuclei difesa

dello Stato

furono acquisiti grazie alla collaborazione del Sismi (Servizio per le Infor-
mazioni e la Sicurezza Militare) e del Reparto eversione del Ros Carabi-
n
ieri.

Le modalità di tale collaborazione furono oggetto di duri rilievi da
parte del sostituto procuratore della Repubblica di Venezia, dottor Felice
Casson, il quale avviò addirittura una indagine nei confronti del dottor
Sal
vini e del capitano Giraudo in seguito archiviata. La stampa interpretò
i
fatti come scontro all' interno della magistratura e guerra fra differenti
uffici giudiziari storicamente impegnati in inchieste su fatti di terrorismo
e di strage. Nella realtà si trattava di difendere i «pilastri» giudiziari del
teorema che a
veva prescelto la Gladio quale struttura da demonizzare,

 

Senato della Repubblica

- 261 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

per offrire poi al PCI, nel quadro delle fuorvianti categorie dell' «oltranzi-
smo atlantico» e del «doppio stato», la possibilità di delegittimare le scelte
filo occidentali dei partiti democratici italiani
.

La Presidenza della Commissione riferì, con la terza relazione seme-
strale (Doc. XXIII
, n. 7), sulle prime risultanze di quell'inchiesta giudizia-
ria sull' eversione di destra, approfondendo importanti «aspetti connessi
con il merito di alcune acquisizioni dell'istruttoria Salvini di diretto inte-
resse per l'inchiesta parlamentare su stragi e depistaggi».

Inoltre, lo scenario descritto dal magistrato di Milano apparve meri-
tevole di attenzione, ma anche di approfondimenti e verifiche ulteriori per
gli elementi di novità relativi al panorama dell' eversione di destra.

La Commissione costituì distinti gruppi di lavoro. Uno sul terrorismo
di sinistra per individuare se sia stato lasciato crescere per fini politici e
quale sia stata, successivamente, l'efficacia della risposta dello Stato;
uno sul terrorismo di destra per una valutazione più complessa e approfon-
dita del fenomeno eversivo anche per gli anni '80 e i contatti e connes-
sioni con servizi informativi nazionali e stranieri; un altro su stragi e de-
pistaggi per accertare i mandanti, ricostruire una mappa dei depistaggi e
dei sabotaggi compiuti da ambienti dei servizi segreti e verificare la tesi
storiografica che il sabotaggio delle istruttorie costituisse un aspetto della
stessa strategia delle stragi; uno, infine, sulla operazione Gladio per deli-
neare un quadro completo delle varie strutture di guerra psicologica o non
ortodossa operanti in Italia dal 1945 ad oggi, verificare l'eventuale arruo-
lamento di elementi dell' eversione di destra e accertare le eventuali irre-
golarità nella distruzione della documentazione.

In seguito i Gruppi di lavoro furono così modificati: a) Terrorismo di
sinistra e caso Moro (onorevole La Volpe); b) Terrorismo di destra (sena-
tore Brigandi); c) Stragi, depistaggi e Ustica (senatore Gualtieri); d) Fa-
lange Armata e Gladio (onorevole Dorigo). È un fatto singolare osservare
che nessun gruppo di lavoro presentò relazioni e che non ne venne costi-
tuito alcuno per analizzare il fenomeno della Gladio Rossa.

Su un totale di 51 atti istruttori compiuti durante la XII Legislatura,
la Commissione ne dedicò solo 5 alle «stragi e depistaggi» (2 audizioni
del capitano del Ros Massimo Giraudo e 3 incontri di lavoro con la dot-
toressa Elisabetta Cesqui e con i professori Giuseppe De Lutiis e Franco
Ferraresi). L'interruzione della Legislatura costrinse a rinviare la prevista
audizione del generale Maletti, svoltasi poi, anni dopo, il 3 marzo 1997.

In relazione alle nuove esigenze istruttorie, la Commissione si av-
valse, inoltre, di un ristretto pool di collaboratori, scelti con criteri fidu-
ciari dal Presidente, esperti nelle discipline giuridiche, storiche, sociologi-
che e archivistiche, composto dai magistrati Elisabetta Cesqui, Alfonso De
Paolis, Leonardo Leone De Castris, Antonio Di Pietro, Giovanni Salvi
,
Pietro Paolo Saviotti e Antonio Tricoli, dal generale dei Carabinieri Bruno
Riscaldati; dai professori Francesco Maria Biscione (noto per l'analisi da
lui fatta del memoriale di Aldo Moro rinvenuto in via Monte Nevoso),
Giuseppe De Lutiis (storico dei servizi segreti italiani), Franco Ferraresi
(studioso del radicalismo di destra), Giorgio Galli (docente di storia delle

 

Senato della Repubblica

- 262 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

dottrine politiche dell'Università di Milano) ed Ettore Palmieri (docente di
diritto penale del lavoro dell'Università di Siena), dai dottori Aldo Sabino
Giannuli, Paolo Miggiano e Antonio Rizzo (ricercatori, pubblicisti)
, Ge-
rardo Padulo (storico) e Gianluca Salvatori (dirigente dell'Istituto trentino
di cultura). Occorre rilevare, a questo proposito, come, per la quasi tota-
lità, i collaboratori nominati appartenessero all'area politico-culturale di
sinistra, alimentando così il sospetto di orientare a senso unico le indagini
e le ricostruzioni dei fatti.

Infatti, compito dei collaboratori era di elaborare le pre-relazioni e i
documenti di lavoro ritenuti utili dalla Commissione e di supportare, dal-
l'interno e con continuità, l'attività dei gruppi di lavoro, individuando e
proponendo la documentazione da acquisire e le persone da ascoltare, non-
ché di preparare
, in dettaglio, l'oggetto delle audizioni stesse, predispo-
nendo puntuali schemi di domande da sottoporre agli audiendi
.

I collaboratori provvidero a redigere appositi elaborati, indirizzando,
in maniera rilevante, l'interpretazione della documentazione di interesse.
Anche la Presidenza della Commissione si avvalse di tali contributi
come ausilio alla comprensione del complesso di argomenti sviluppati
nella relazione di sintesi.

Da tutto ciò (ricerca delle fonti in alcune direzioni e non in altre,
esclusione dalle analisi della Commissione della Gladio rossa e del terro-
rismo di sinistra, faziosità nella scelta dei consulenti) emerge chiaro il di-
segno di orientare politicamente i lavori della Commissione a partire dai
suoi meccanismi gestionali ed operativi
.

Nel corso della Legislatura fu acquisito ulteriore materiale documen-
t
ario relativo alle stragi impunite ed, in particolare, i più importanti atti
processuali relativi al panorama delle formazioni eversive di destra, non-
ché le risultanze istruttorie di maggior rilievo via via emergenti nei proce-
dimenti per fatti di terrorismo o di strage, comunicate di iniziativa dell' au-
torità giudiziaria
.

Infine, mediante intese con il Ministero dell'Interno (onorevole Ma-
roni), fu consentito ad alcuni collaboratori, delegati e accreditati dalla
Commissione, di visionare la documentazione, relativa alle formazioni pa-
ramilitari occulte attive in Italia a partire dal secondo dopoguerra
, esi-
stente pres
so il ministero dell'Interno, ivi compresa quella riservata e
non versata all
' Archivio centrale dello Stato. La ricerca fu estesa anche
ai fondi riservati dell
' Archivio centrale dello Stato e dell' Archivio storico
dello Stato Maggiore dell'Esercito, nonché al materiale esistente presso la
Presidenza del Consiglio dei Ministri
.

Ciò consentì al Presidente della Commissione, senatore Pellegrino,
già nella seconda relazione semestrale (Doc. XXIII, n. 3, 20 luglio
1995)
, di anticipare le linee interpretative generali della sua proposta di
Relazione conclusiva.

Benché, nella maggior parte dei casi, le inchieste sulle stragi si fos-
sero concluse con sentenze assolutorie, la Presidenza della Commissione
osservava che tali sentenze erano state adottate con la formula dell'insuf-
ficienza di prove e che prove giudiziarie si erano comunque formate. Sic-

Senato della Repubblica

- 306 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

somma, le ipotesi hanno generato altre ipotesi fino a costituire una dubbia
«storia parallela», che, proprio per questa sua qualità storiografica, sottrae
così le proprie interpretazioni e i propri giudizi ad ogni riscontro fattuale e
ad ogni verifica scientificamente persuasiva.

Liberarsi dal condizionamento da uno schema storico notoriamente
sacralizzato da una parte dell' opinione pubblica «militante», non è cosa
agevole
. E tuttavia è doveroso farlo per poter recuperare la necessaria se-
renità di giudizio e guardare in modo meno partigiano a vicende così com-
plesse e contrastate
. Ma il PCI-PDS-DS non ha accettato di correre rischi
politici a vantaggio della verità. Scopo dell' indagine parlamentare non è,
infatti, giungere ad una verità relativa, di tipo giudiziario o politico, o peg-
gio ancora ad una verità di parte, bensì di rendere alle Istituzioni e ai cit-
tadini, per quanto è oggi possibile, il diritto alla pura e semplice ricostru-
zione storica obiettiva.

Se il fine della Commissione stragi è di ricostruire e interpretare cor-
rettamente il contesto storico dell' eversione, del terrorismo e delle stragi, è
evidente che essa deve assumere un criterio del tutto diverso da quello
giudiziario. Quest'ultimo, derivante dalle norme sulla formazione delle
prove e dall' esigenza di arrivare comunque ad un giudicato
, si fonda in-
fatti sul principio, a volte applicato in modo discutibile e perfino tenden-
zioso, quod non est in actis non est in mundo. A differenza della Corte
d'Assise
, però, la Commissione non deve produrre un giudicato. Essa
deve semplicemente rispondere al quesito storico formulato dalla legge
istitutiva: perché le stragi sono rimaste impunite?

È quindi necessario da un lato liberarsi coraggiosamente dalle con-
nessioni stabilite da vecchie ipotesi accusatorie, in seguito magari rivela-
tesi insussistenti, e dall'altro reinserire il «lato oscuro» della storia nazio-
nale nel medesimo contesto del «lato chiaro», conoscibile e conosciuto at-
traverso la normale attività storiografica.

Le indagini sulla rete occulta di «persistenza oltre le linee» (Stay behind)

Com'è noto, le indagini sulla rete occulta di «persistenza oltre le li-
nee
» (stay behind), impropriamente nota come «Gladio», furono motivate
dall'ipotesi, avanzata nel 1989 dalla Procura di Venezia e rivelatasi infon-
data, che l'esplosivo usato per la strage di Peteano provenisse da uno dei
due depositi della rete (NASCO) casualmente rinvenuti dai carabinieri al-
cune settimane prima dell'attentato. Le indagini giudiziarie, le ipotesi che
ne erano all'origine, (sottolineate dal mondo della informazione con enfasi
inusitata) e le pressioni del PCI provocarono la consegna alla Commis-
sione stragi di una apposita relazione del Presidente del Consiglio corre-
data da documenti che, di norma, sarebbero dovuti andare al solo Comi-
tato parlamentare per i servizi d'informazione e sicurezza e per il segreto
di Stato)
. Nasceva così il «caso Gladio» e prendeva corpo una veemente
campagna politica alimentata dal PCI
. Malgrado la piena legittimità del-
l'accordo bilaterale italo-americano del 1956 (divenuto successivamente

 

Senato della Repubblica

- 307 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

 

multilaterale) relativo alla struttura e all'utilizzo comune della base-adde-
strativa di Capo Marrargiu, i dubbi sulla legittimità dei suoi fini vennero
artificialmente sostenuti e mantenuti in vita anche in presenza di espliciti
pronunziamenti della Avvocatura dello Stato nel 1991 e del Tribunale dei
Ministri nel 1994. Oltre alle due Commissioni parlamentari (Stragi e Co-
mitato), ben dieci Procure della Repubblica si attivarono per cercare prove
che dimostrassero il coinvolgimento di uomini della Gladio in attività
eversive, ed altre sei riaprirono casi insoluti del passato per cercare even-
tuali connessioni. E, pur restando pendente un unico giudizio, relativo alle
responsabilità di alti Ufficiali per l'ipotizzata irregolare soppressione di
atti concernenti la sicurezza dello Stato, l'unico riscontro fattuale all' ipo-
tesi di una connessione tra la stay behind e la strage di Peteano (e cioè la
provenienza di materiali da uno dei NASCO) è stato escluso dalle risul-
tanze peritali
. Né sono in seguito emersi altri elementi che potessero in
alcun modo indicare una qualsiasi connessione con le stragi impunite o
con altri aspetti dell' eversione e del terrorismo.

È difficile negare che, in tal modo, la lesione del segreto di stato su
una componente dell'apparato di sicurezza ancora attiva al momento della
rimozione (ancorché resa meno importante dalla conclusione, praticamente
certa, della guerra fredda), sia risultata inutile ai fini giudiziari
, nulla
avendo potuto aggiungere all'accertamento della verità sulle stragi
.
si può tacere che la pubblicazione dei nomi dei cittadini reclutati dalla
struttura abbia comportato inique conseguenze individuali, mentre ha cer-
tamente ridotto la propensione a collaborare con i servizi di informazione
e sicurezza, oltre ad aver recato gravissimi danni alla credibilità interna-
zionale del nostro Paese. Ciò che oggi emerge chiaramente dall'esame
dell'intera vicenda
è, innanzitutto, che il caso Gladio fu artificialmente
presentato all'opinione pubblica come una chiave di lettura per spiegare
gli illeciti comportamenti di forze del Patto Atlantico che volevano impe-
dire il corretto sviluppo della democrazia italiana e, segnatamente, la li-
bera ascesa del PCI al Governo del Paese.

Si è trattato, peraltro, di una operazione piuttosto ambigua, perché
poteva tornare utile a chiunque, da un versante e dall'altro, volesse utiliz-
zare a fini politici, ma con metodi assolutamente antidemocratici, altre
strutture illecite e deviate.

Di certo questa vicenda fa comodo a tutti coloro che per decenni si
erano messi al servizio del progetto comunista contro l'Occidente e che
ora avevano paura di quanto, con la fine della guerra fredda, poteva uscire
dagli archivi in subbuglio dell'Est europeo e dell'ex Unione Sovietica.

Anche per questo la campagna sulla Gladio fu una operazione di de-
pistaggio
.

Mancata connessione con i casi Feltrinelli e Calabresi

Il condizionamento giudiziario ha contribuito a settorializzare l' ana-
lisi delle vicende eversive e terroristiche ed a creare false e nocive «spe-