CRONOLOGIA “CASO GLADIO”: fatti e misfatti!

 

  29/09/2000


 

SENATO DELLA REPUBBLICA                   CAMERA DEI DEPUTATI

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI · DOCUMENTI

IL SEQUESTRO E L'OMICIDIO DI ALDO MORO

Elaborato redatto dal senatore Athos De Luca

29 settembre 2000

 

Senato della Repubblica

- 145 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

INDICE

 

Premessa                                                                                                         Pag.         147

Cronologia essenziale dei 55 giorni                                                            »             149         

 

Trattative parallele

Il professor Franco Piperno                                                                    »             151
Don Mennini                                                                                           
»             156

Mario Moretti                                                                                          »             157

Gli infiltrati                                                                                                              »             161

Il Viminale                                                                                               »             164

Il caso Markevitch                                                                                   »             167

Giovanni Senzani                                                                                    »             169
Parigi: Hyperion                                                                                     »             173
Firenze e Milano                                                                                      »             178

Ancora a proposito di Firenze e Moro                                                    »             181

 

I soldi delle Brigate Rosse
Genova e la Svizzera                                                                                                                                                                                                                                                                                           »             184

Le date dei principali sviluppi del caso Moro                                         »             184

 

Seguendo il memoriale Moro
La Brink' s Securmark                                                                            »             190

Via Montalcini                                                                                         »             199

Via Mario Fani                                                                                        »             201

Il ghetto                                                                                                    »             202

L'uccisione di Moro                                                                                 »             204
La sabbia sul cadavere                                                                           »             205
Via Gradoli n. 96
                                                                                    »             206

La fortunosa scoperta di Via Gradoli                                                     »             212

Chi frequentava Via Gradoli                                                                   »             213

La seduta spiritica                                                                                   »             214

Un blackout dei telefoni                                                                           »             215

Alcune domande a Moro                                                                         »             217

Le carte di Moro                                                                                      »             218

 

Senato della Repubblica

- 166 -

Camera dei deputati

 

XIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

sequestro. Era infatti a colloquio con lui nel suo studio, il pomeriggio del
15 marzo 1978.

Cappelletti è inoltre in qualche modo collegabile ad alcune associa-
zioni internazionali, come la «Lega Mondiale anticomunista» e l' «Asso-
ciazione per l'unificazione per lo spirito cristiano mondiale». Tutti organi-
smi legittimi, si intende, ma molto ben orientati e tali da far capire l'affi-
dabilità del professore in una operazione che, in quanto luminare della
medicina, non avrebbe, a rigor di logica, dovuto averlo tra i protagonisti
.

Cappelletti ha inoltre spiegato che è stato lui ad aver contattato Fer-
racuti, e non viceversa. Il professor Ferracuti è l'esperto che per primo
fece l'ipotesi della sindrome di Stoccolma per depotenziare le lettere di
Moro.

Come oggi sappiamo, tra i membri iscritti alla Loggia Propaganda
Due, si trovano una trentina di generali italiani, i capi di tutti i servizi se-
greti italiani e la maggior parte del comitato di crisi del Ministro Cossiga
che si occupava dei fatti durante il rapimento di Moro. Una persona risul-
tante nell'elenco P2, il colonnello Camillo Guglielmi, parte attiva anche di
Gladio, era presente per sua stessa ammissione in via Fani alle nove di
mattina del 16 marzo. Egli giustifica la sua presenza grazie ad un invito
a pranzo da un amico. La possibilità di un pranzo alle nove sembra che
viene condivisa senza troppi problemi anche dal brigatista Moretti in
un'intervista televisiva. Un dipendente ed agente di Guglielmi, Pier Luigi
Ravasio, dirà poi che il suo Capo sarebbe stato informato prima della data
e luogo del rapimento.

Quello che stupisce della dinamica di via Fani è la precisione (geo-
metrica potenza, avrebbe detto il professor Piperno con fortunata espres-
sione) con la quale sono stati uccisi i cinque agenti della scorta: la
metà dei proiettili risultano fatti esplodere dalla stessa arma. Moretti di-
chiara che tutte le Br avrebbero sparato da un lato ma le indagini dimo-
strano il contrario. I proiettili provenienti da quell'arma presentavano una
particolare vernice che si usa normalmente contro la ruggine. La vernicia-
tura particolare dei proiettili porterebbe alcuni ad ipotizzare una loro la
provenienza da depositi militari sotterranei
. Sta di fatto che a via Fani
passò quel giorno l'ufficiale di Gladio responsabile dell'addestramento
delle unità di combattimento «stay behind» alla base NATO a Capo Mar-
rargiu.

Le Br, nonostante alcune esercitazioni nell'arte di sparare, avevano
gravi problemi con le armi e come ha rivelato il brigatista Bonisoli
«Noi avevamo una preparazione militare approssimativa. C'eravamo alle-
nati ogni tanto a sparare alle bottiglie, in periferia, il mio mitra si inceppò
e io non sapevo cosa fare». Di qui la ragionata convinzione che, la dina-
mica dell' agguato ed il numero dei partecipanti debba ancora, dopo 22
anni e mezzo, essere oggetto di accertamenti per raggiungere una verità
convincente. Esiste inoltre un'informazione fornita da tre testimoni che
parlano di una Honda presente sul luogo della strage, con due uomini a
bordo. Uno dei quali avrebbe addirittura sparato ad un testimone, l'inge-
gner Alessandro Marini
. I brigatisti però negano tutto e sostengono che